L’impegno dei supermercati Alì nei confronti del sociale, nel corso degli anni, ha consentito di scoprire delle realtà associative impegnate a migliorare la vita delle persone con disabilità intellettiva o fisica. Questi rapporti sono sfociati in virtuosi progetti che hanno fatto riflettere sia il Gruppo Alì che i suoi clienti sul fatto che “Siamo tutti uguali” e che dobbiamo fare tutto quello che è in nostro potere per vivere intensamente la vita, anche se siamo in sedia a rotelle, o se abbiamo una disabilità intellettiva e che quello che maggiormente conta è saper fare rete con altre persone che vivono la stessa situazione. Le associazioni che operano nel territorio di riferimento dei supermercati Alì sono davvero numerose: dalle cooperative sociali che organizzano attività di teatro; a quelle che promuovono la pratica dello sport unificato; a quelle che responsabilizzano i ragazzi a prendersi cura di piante in delle vere e proprie serre; a quelle, ancora, che li impegnano in lavori di bricolage per arrivare a vendere dei prodotti speciali che portano la loro autentica firma. Non si può non nominare, a questo proposito, la Cooperativa Sociale Vite Vere Down Dadi, guidata dalla tenace Patrizia Tolot, che nel corso degli anni ha potuto organizzare all’interno dei supermercati Alì, percorsi di stage fatti dai ragazzi in punto vendita, l’esperienza di ‘Imbusta insieme’ che li ha visti e li vede tutt’ora impegnati ad aiutare i clienti Alì ad imbustare la spesa, socializzando con il mondo reale, oltre naturalmente al “DADI_Shop”, concesso in comodato d’uso gratuito dai supermercati Alì alla Cooperativa, che coinvolge i ragazzi di Down Dadi nella realizzazione di tante originali idee regalo. Una vera e propria fucina creativa questa, dalla quale, lo scorso Natale, sono uscite le piantine grasse nei coloratissimi vasetti di vetro personalizzati uno ad uno dai ragazzi della Cooperativa, che sono poi andati a ruba nei supermercati Alì e Alìper, come idea regalo solidale. Alì, nel dare sempre nuove opportunità a questi ragazzi speciali, contribuisce a valorizzare le persone, dando una possibilità di crescita senza ricadere nell’assistenza passiva, ma soprattutto stimola i ragazzi ad interagire, come promotori di loro stessi, con il mondo.