Se sei da solo per scelta o perchè qualcuno ha scelto per te non andare in paranoia! Tutti programmano cene romantiche e bollenti after dinner? Nessun bacio perugina per te e nemmeno un biscotto della fortuna? Chissenè!, dopo la lettura delle nostre recensioni e l’obbligo di visione di uno di questi cinque film ci ringrazierai, e mai sarai stato così entusiasta del tuo status quo. La sera di San Valentino è Pop Corn e Sofà, a noi piace così.

1. VIA COL VENTO

Non servono presentazioni, conosciamo tutti l’epopea della bellissima e cocciutissima Rossella O’Hara. I suoi due amori, il primo adolescenziale e assurdo a livelli iperbolici per Ashley e il secondo, molto profondo e a tratti parecchio tormentato per Rhett, sono lo specchio del suo passaggio (reso ancora più traumatico e marcato dalla Guerra di Secessione americana sullo sfondo) dalla “Miz Rozela” ragazzina, smorfiosetta ed egocentrica, a una donna matura, coraggiosa e consapevole della propria forza interiore. Testa calda, però, la signorina ci rimarrà per sempre. Menzione d’onore a Rhett, imperatore massimo del Teorema ferradiniano: “Prendi una donna, trattale male”.

2. CASABLANCA

Di Casablanca è inutile raccontare la trama struggente e poetica, gli scenari meravigliosi, il fascino patinato dei protagonisti…vi diremo solo ciò che nessuno ha mai avuto il coraggio di dirvi: questa pellicola così datata tratta in realtà di un argomento più che attuale, ovvero la FRIENDZONE. E chi è mai stato più “friendzonato” di Rick?!

Dopo infiniti conflitti interiori, dialoghi e confidenze colmi di pathos, tentativi neanche troppo fallimentari di riconquista, il nostro (Deo gratia) mangia la foglia, e lascia infine andare, non senza immenso dolore, la sua amatissima. Uscito finalmente dall’orrendo empasse della friendzone, decide di dedicarsi ad un’altra amicizia, di certo meno poetica ma molto più maschia e rassicurante, partendo con Louis per l’Africa.

“Louis, credo che questo sia l’inizio di una bella amicizia…”

…Vai Rick!! Viviti la vita alla grande, e si freghi Parigi!

3. IO PRIMA DI TE

La giovane Louisa viene assunta da due ricchi coniugi per fare compagnia al loro figlio Will, rimasto paralizzato (e moooolto depresso) in seguito ad un terribile incidente… guarda caso lei è carina, bu_ a e dolcissima, lui è un fico pazzesco anche dalla carrozzina.

Film all’apparenza superficialotto, rivela invece una storia delicata e toccante, dove le lacrime sono al 100% assicurate. Io prima di te ci ricorda come l’amore possa penetrare l’anima e mettere in discussione tutte le convenzioni, tutti i pregiudizi, tutto ciò che ci aspettiamo dal prossimo e anche quello che siamo disposti ad a_ffrontare per amore di esso. Nonostante il film sia ricco di momenti ironici e divertenti, vi consigliamo caldamente di tenere i Kleenex a portata di mano!

“Non voglio rientrare ancora. Voglio essere un uomo che è stato a un concerto con una ragazza vestita di rosso ancora per qualche minuto”.

Will….ooohhhh Will! lomo?

4. TITANIC

Pensavo fosse amore, invece era un buco nell’acqua. Ironia a parte, eccoci all’immancabile polpettone strazia cuori. Jack, Rose, la prua del Titanic, serve altro? Solo la storia d’amore più epica che il cinema abbia mai partorito. C’è tutto quello che serve per far sognare il popolino nei secoli dei secoli: la divina Kate, il fascino efebico di un Di Caprio post pubertà che ha acceso le tube a milioni di donne, costumi e ambientazioni sfarzosi, e_ etti specialissimi per gli sventurati maschietti che accompagnavano la propria dama al cinema nel lontano 1997.

Jack e Rose si conoscono, e cinque minuti dopo si amano, in barba a fidanzato, status sociale, prima seconda e terza classe del Titanic. Si amano a tal punto da essere pronti a sacrificare la propria vita l’uno per l’altra.

Sarà banale ma noi lo ribadiamo fino allo sfinimento: SU QUEL LEGNO CI STAVANO TUTTI E DUE, NON PRENDIAMOCI IN GIRO.

“Ti fidi di me?” Chiese il legno.

5. L’ULTIMO BACIO

Oh ragazzi, qui il termine cliché risulta ancora troppo anticonformista. Lui, uno sfigatissimo ultratrentenne, mette incinta la moglie, perché così fan tutti. A una certa però si rende conto che ommioddio sta per diventare padre!!! Per esercitarsi decide di mettere in piedi un’improbabile relazione clandestina con una ragazzina che – per l’appunto – potrebbe tranquillamente essere sua figlia. La moglie lo scopre, casini, pianti isterici, bla bla bla. Da rivedere per ricordarsi che le corna sono sempre dietro l’angolo, quindi alleniamoci a portarle con stile.

“Siamo fuori tempo massimo…venti sono pochi…quaranta sono tanti… adesso è il momento giusto”.

Crederci sempre, arrendersi mai.